Busta paga, a luglio il maxi aumento di stipendio da 500 euro per questi lavoratori: rinnovato il CCNL

È stato ufficialmente firmato il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale amministrativo dipendente delle Agenzie Generali di Generali Italia aderenti all'associazione Anagina. Per i lavoratori e le lavoratrici è in arrivo il maxi aumento di stipendio da 1.000 euro in busta paga. L'erogazione avverrà in due tranche: la prima a luglio 2024.

Belle notizie in arrivo per tanti lavoratori e lavoratrici. Nelle scorse ore, infatti, è stato ufficialmente rinnovato il contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale amministrativo dipendente delle Agenzie Generali di Generali Italia aderenti all'associazione Anagina. Il nuovo contratto resterà in vigore dal 10 luglio 2024, giorno della firma, fino al 31 marzo 2025. È quanto annunciato con un comunicato congiunto da First CIsl, Fisac Cgil, Fna e Uilca. Di seguito tutti i dettagli.

Il rinnovo prevede importanti novità sia per quanto riguarda la parte economica che quella normativa. Per quanto riguarda gli aumenti di stipendio in busta paga, con decorrenza dall'1 luglio 2024 le tabelle retributive subiranno un incremento del 5%. I buoni pasto aumenteranno di un euro per ogni giornata intera effettiva di presenza, portando l'importo giornaliero a 3 euro. Questo aumento sarà riconosciuto per intero anche ai part time. Viene istituita per la prima volta una copertura sanitaria per gli impiegati, valida per tre anni, dall'1 gennaio 2025 al 31 dicembre 2027.

Aumenti in busta paga e non solo: le altre novità del rinnovo contrattuale del comparto assicurativi

Busta paga, aumenti in arrivo dopo il rinnovo del CCNL Assicurativi
Ufficiale il rinnovo del CCNL Assicurativo: in arrivo aumenti in busta paga e novità sulla parte normativa

E non è tutto. Ai dipendenti delle agenzie, infatti, viene riconosciuta la possibilità di usufruire di 5 ore annue di permessi retributivi per motivi sanitari. Per quanto riguarda la parte normativa, c'è un importante adeguamento del contratto alle ultime normative in merito al codice delle pari opportunità e alle molestie. In ambito economico, invece, gli arretrati verranno corrisposti con l'erogazione di una tantum da 1.000 euro per i terzi livelli. L'erogazione avverrà in due tranche: la prima a luglio 2024, la seconda a gennaio 2025.

Le parti coinvolte nella trattativa per il rinnovo del contratto, l'ultimo in ordine cronologico dei tanti rinnovi firmati nelle scorse settimane, esprimono soddisfazione per l'accordo raggiunto. Il confronto, si legge nel comunicato pubblicato nelle scorse ore, è stato lungo e pieno di ostacoli ma ha portato al risultato atteso grazie alla costanza e alla consapevolezza di tutte le parti. Il rinnovo, prosegue il comunicato, ribadisce la centralità del contratto nazionale e riafferma l'importanza della negoziazione e la consapevolezza dell'importanza del ruolo e della dignità di lavoratori e delle lavoratrici.

Lascia un commento