Lazio, mostra lo scontrino del pranzo a base di pesce e scatena le critiche: "È un po' caro"

Un utente ha pubblicato le foto delle portate e dello scontrino di un pranzo a base di pesce in un ristorante nel Lazio, scatenando però le critiche delle altre persone intervenute a commentare. Cosa ha mangiato e quanto ha speso.

Si è ufficialmente spostato sul web il passaparola tra chi è in cerca di consigli utili su ristoranti, trattorie e agriturismi in cui mangiare bene e spendere poco. Internet è, per le aziende, uno strumento dalle potenzialità straordinarie: proprio grazie al web, infatti, le aziende possono ottenere un'enorme visibilità senza necessariamente investire importanti somme di denaro in campagne pubblicitarie. Con un'importante differenza: le recensioni fornite dai singoli clienti, infatti, non mettono in risalto solo i punti di forza ma anche i punti deboli di una determinata attività commerciale.

È proprio per questo motivo che, la visibilità ottenuta tramite il web, va gestita con una certa cautela. Sui social network, ad esempio, esistono numerosi gruppi in cui gli utenti si scambiano consigli sulle strutture del mondo della ristorazione. A recensioni positive da parte di un cliente, non di rado seguono commenti da parte di altri utenti che fanno notare dettagli negativi. È quanto accaduto, di recente, ad Enrico, che in uno dei suddetti gruppi ha pubblicato un post in cui ha raccontato di aver pranzato in un ristorante a Marta, Comune situato in Provincia di Viterbo, nel Lazio.

Lazio, critiche per la foto dello scontrino del pranzo al ristorante

Lazio, critiche per lo scontrino del pranzo al ristorante
Il post pubblicato dal cliente con lo scontrino del pranzo nel ristorante del Lazio. Fonte: Facebook

Nel post in cui ha mostrato sia le foto delle portate che quella dello scontrino, Enrico ha rivelato di essere rimasto soddisfatto per ciò che ha mangiato e quanto ha speso: "Devo dire che ho mangiato bene e pagato il giusto. Cucinato tutto bene, forse un po' sciapo per me ma si sa che ora la cucina è così", ha scritto. Come si può vedere dalle foto e leggere nello scontrino, le due persone al tavolo hanno ordinato e consumato un piatto di tentacolo di polpo, un'insalata di mare, un piatto di spaghetti con vongole veraci, una portata di delizie di gamberi, due portate di calamari alla griglia e radicchio alla griglia. Il tutto accompagnato da acqua e vino e, per finire, due caffè e digestivo omaggio.

Per l'intero pranzo, Enrico ha speso 90 euro, ovvero 45 euro a testa. Un importo che ha lasciato soddisfatto l'autore del post, ma che non ha invece trovato tanti pareri favorevoli tra i tanti utenti intervenuti a commentare. "Un tentacolo di polpo e mezzo piatto di pane, cipolle e pomodoro a 14 euro: non è un prezzo giusto, è una rapina", ha scritto Azzurra. "Conoscendo i locali della zona hai pagato un po' di più", è il commento di Daniela. "Onestamente mi sembra un po' caro e le porzioni piuttosto modeste", ha aggiunto Giuseppe.

Lascia un commento