Salame, ritirato lotto di un marchio italiano: "Rischio salmonella". L'allarme del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute ha diffuso un nuovo avviso di richiamo alimentare riguardante un lotto di salame toscano prodotto da un marchio italiano a causa della presenza di salmonella nell'alimento. I dettagli.

Un nuovo avviso di richiamo alimentare è stato diramato dal Ministero della Salute nella giornata di oggi, mercoledì 15 maggio 2025. Il ritiro in questione di riguarda un lotto di un salame prodotto da un marchio italiano e si è reso necessario a causa del rischio microbiologico, una delle possibili non conformità per cui gli operatori del settore sono tenuti a richiamare la merce dal commercio.

Come si legge nel comunicato diffuso dal Ministero della Salute, è stato richiamato dal commercio un lotto di salame toscano da circa 500 grammi venduto a marchio I salumi di Sciano e commercializzato da Gellu Salimi Srl. Il lotto di produzione sottoposto a ritiro è il 190324 con data di scadenza 20 agosto 2024. Il salame richiamato è prodotto da Gelli Salumi Srl (marchio di identificazione CT IT 1623 L), azienda con sede in provincia di Firenze, nel Comune di Certaldo, in via Sciano 71.

Salame ritirato dal commercio per presenza di salmonella: "Non consumatelo"

Salame richiamato dal commercio: il Ministero diffonde l'allerta
Salame richiamato dal mercato per rischio salmonella: il comunicato diffuso dal Ministero della Salute

Il lotto di salame toscano a marchio I salumi di Sciano è stato richiamato dal commercio per rischio microbiologico. In particolare, all'interno della merce è stata riscotrata la presenza di Salmonella spp. Per questo motivo, chiunque avesse acquistato il prodotto è invitato a non consumarlo e a restituirlo al punto vendita. Il negoziante provvederà alla sostituzione della merce o all'emissione di un rimborso.

La salmonella è un agente baterico comunemente presente in natura con centinaia di diverse varianti. In particolare, la Salmonella spp. è un microrganismo batterico in grado di costituire un importante problema sanitario sia per gli animali che nell'uomo. Le infezioni da Salmonella spp. sono spesso asintomatiche, ma in alcuni casi possono manifestarsi con particolari sintomatologie. Questo accade in condizioni in cui le difese immunitarie sono compromesse. I sintomi sono generalmente a carico dell'apparato digerente, ma possono essere colpiti anche altri organi se il germe riesce a diffondersi nel resto dell'organismo. Nei casi clinici più gravi si possono verificare anche infezioni a carico di ossa e meningi. I sintomi della malattia compaiono solitamente tra le 6 e le 72 ore dopo l'ingestionedi alimenti contaminati e proseguono per circa una settimana. Nei casi più gravi l'infezione può addirittura rendere necessario il ricovero in ospedale.

LEGGI ANCHE: Plastica nel cibo, gli esperti lanciano l'allarme: "Quali sono gli alimenti più a rischio"

Lascia un commento