Unione Europea fondo sociale
Agenzia Coesione Territoriale
Dipartimento Funzione Pubblica
Dipartimento Pari Opportunità
PON

“Smart working e PA: cosa manca al cambiamento culturale, organizzativo e tecnologico?”

Al Forum Pa 2019 di Roma nel convegno "Smart working e PA: cosa manca al cambiamento culturale, organizzativo e tecnologico?" verranno affrontato il tema del lavoro agile, nel contesto della necessaria 'innovazione nella gestione delle risorse umane. Tra gli illustri relatori anche Laura Menicucci, Direttore Ufficio Affari Generali, Internazionali e interventi in campo sociale, Dipartimento per le pari Opportunità - Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L'appuntamento è per il 16 Maggio, 2019, dalle 11:45 alle ore 13:30. 
Per dettagli e iscrizione: https://forumpa2019.eventifpa.it/it/event-details/?id=8520

Di seguito l'abstract dei temi che verranno affrontati nel convegno: 

"Smart working e PA: cosa manca al cambiamento culturale, organizzativo e tecnologico?"

Di smart working si parla ormai molto anche nella PA. Seppure gli ultimi dati dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano dimostrino che nel 2018 non ci sia stato un aumento di amministrazioni che hanno avviato progetti (ancora pari a circa il 9% del totale), è stato sicuramente possibile registrare una crescita in termini di sensibilizzazione e di condivisione di esperienze e pratiche da parte di Pubbliche Amministrazioni e di reti di Pubbliche Amministrazioni, veri casi di eccellenza che hanno lavorato negli ultimi mesi sull’introduzione di modalità di lavoro agile per garantire servizi pubblici più efficaci, più efficienti e più veloci.
Nonostante ciò la strada da percorrere sembra ancora molta, specie alla luce delle recenti disposizioni normative (Decreto Concretezza, Legge di Bilancio 2019, Disegno di legge Miglioramento PA), che sottolineando continuamente gli aspetti legati esclusivamente alla presenza fisica sul posto di lavoro, rischiano di snaturare lo smart working, depotenziando quegli aspetti legati all’orientamento al risultato che ne garantiscono la portata innovativa, rischiando di renderlo un’occasione mancata.
Il convegno intende favorire il confronto su alcuni punti aperti in materia di smart working per capire cosa manchi al vero cambio culturale, organizzativo e tecnologico che lo smart working può introdurre nel sistema del lavoro pubblico, cosa serva per passare dal mero adempimento alla legge all’opportunità di cambiare il modo di percepire il sistema pubblico, la qualità dei servizi pubblici, la figura del dipendente pubblico.